Il meglio é servito
MioLink.com - il meglio del web é servito
Tutto per tutti

  Home MioLink.com Home  Carte di credito Carte Credito  Blocco Bancomat Blocco Carta Credito  Mutuo e finanziamenti Mutuo e Finanziamenti  Banca d'italia, BCE, CONSOB Banca  Banche on line Banche online  Convertitore cambio valuta - Codice IBAN Cambio valuta  Tasso usura TAEG - TAN - ISC Tasso Interesse Legale  Tassi banche centrali Tasso di Riferimento

LEGGI CONTRO I DANNI assicurazione e polizza contro il danno

Assicurazione e polizza contro il danno, ovvero conoscere la legge e le norme che regolano il mondo dei contratti e delle polizze contro i danni.

Assicurazioni by Miolink.com CODICE CIVILE - LIBRO QUARTO DEI SINGOLI CONTRATTI
                                 CAPO XX Dell'assicurazione
Leggi assicurazione Sezione I.    Disposizioni generali    Leggi Assicurazione sulla vita by MioLinki
Leggi assicurazione Sezione II.    Dell'assicurazione contro i danni    (in questa pagina)
Leggi assicurazione Sezione III.   Dell'assicurazione sulla vita   Leggi Assicurazione sulla vita by MioLinki
Leggi assicurazione Sezione IV.  Della riassicurazione   Leggi Assicurazione sulla vita by MioLinki
Leggi assicurazione Sezione V.   Disposizioni finali   Leggi Assicurazione sulla vita by MioLinki

Leggi Assicurazioni by Miolink.com Sezione II.    Dell'assicurazione contro i danni
1904. Interesse all'assicurazione Il contratto di assicurazione contro i danni è nullo (c. 1325 n. 2, 1418) se, nel momento in cui l'assicurazione deve avere inizio, non esiste un interesse dell'assicurato al risarcimento del danno (c. 1895).
1905. Limiti del risarcimento L'assicuratore è tenuto a risarcire, nei modi e nei limiti stabiliti dal contratto, il danno sofferto dall'assicurato in conseguenza del sinistro (c. 1908). L'assicuratore risponde del profitto sperato solo se si è espressamente obbligato (c. 1223).
1906. Danni cagionati da vizio della cosa Salvo patto contrario, l'assicuratore non risponde dei danni prodotti da vizio intrinseco della cosa assicurata, che non gli sia stato denunziato. Se il vizio ha aggravato il danno, l'assicuratore, salvo patto contrario, risponde del danno nella misura in cui sarebbe stato a suo carico, qualora il vizio non fosse esistito.
1907. Assicurazione parziale Se l'assicurazione copre solo una parte del valore che la cosa assicurata aveva nel tempo del sinistro, l'assicuratore risponde dei danni in proporzione della parte suddetta, a meno che non sia diversamente convenuto.
1908. Valore della cosa assicurata Nell'accertare il danno non si può attribuire alle cose perite o danneggiate un valore superiore a quello che avevano al tempo del sinistro. Il valore delle cose assicurate può essere tuttavia stabilito al tempo della conclusione del contratto, mediante stima accettata per iscritto dalle parti (c. 13412). Non equivale a stima la dichiarazione di valore delle cose assicurate contenuta nella polizza o in altri documenti (nav. 515, 1021). Nell'assicurazione dei prodotti del suolo il danno si determina in relazione al valore che i prodotti avrebbero avuto al tempo della maturazione o al tempo in cui ordinariamente si raccolgono.
1909. Assicurazione per somma eccedente il valore delle cose L'assicurazione per una somma che eccede il valore reale della cosa assicurata non è valida se vi è stato dolo da parte dell'assicurato; l'assicuratore, se è in buona fede, ha diritto ai premi del periodo di assicurazione in corso. Se non vi è stato dolo da parte del contraente, il contratto ha effetto fino alla concorrenza del valore reale della cosa assicurata, e il contraente ha diritto di ottenere per l'avvenire una proporzionale riduzione del premio.
1910. Assicurazione presso diversi assicuratori Se per il medesimo rischio sono contratte separatamente più assicurazioni presso diversi assicuratori, l'assicurato deve dare avviso di tutte le assicurazioni a ciascun assicuratore. Se l'assicurato omette dolosamente di dare l'avviso, gli assicuratori non sono tenuti a pagare l'indennità. Nel caso di sinistro, l'assicurato deve darne avviso a tutti gli assicuratori a norma dell'articolo 1913, indicando a ciascuno il nome degli altri. L'assicurato può chiedere a ciascun assicuratore l'indennità dovuta secondo il rispettivo contratto, purché le somme complessivamente riscosse non superino l'ammontare del danno (c. 1908). L'assicuratore che ha pagato ha diritto di regresso contro gli altri per la ripartizione proporzionale in ragione delle indennità dovute secondo i rispettivi contratti (c. 1299). Se un assicuratore è insolvente, la sua quota viene ripartita fra gli altri assicuratori (c. 12992).
1911. Coassicurazione Qualora la medesima assicurazione o l'assicurazione di rischi relativi alle stesse cose sia ripartita tra più assicuratori per quote determinate, ciascun assicuratore è tenuto al pagamento dell'indennità assicurata soltanto in proporzione della rispettiva quota, anche se unico è il contratto sottoscritto da tutti gli assicuratori (c. 1314).
1912. Terremoto, guerra, insurrezione, tumulti popolari Salvo patto contrario, l'assicuratore non è obbligato per i danni determinati da movimenti tellurici, da guerra, da insurrezione o da tumulti popolari (nav. 512 ).
1913. Avviso all'assicuratore in caso di sinistro L'assicurato deve dare avviso del sinistro all'assicuratore o all'agente autorizzato a concludere il contratto (c. 1903), entro tre giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o l'assicurato ne ha avuta conoscenza (c. 1915). Non è necessario l'avviso, se l'assicuratore o l'agente autorizzato alla conclusione del contratto interviene entro il detto termine alle operazioni di salvataggio o di constatazione del sinistro (c. 1914; nav. 533). Nelle assicurazioni contro la mortalità del bestiame l'avviso, salvo patto contrario, deve essere dato entro ventiquattro ore (c. 19103).
1914. Obbligo di salvataggio L'assicurato deve fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire il danno (c. 12272 , 1915). Le spese fatte a questo scopo dall'assicurato sono a carico dell'assicuratore, in proporzione del valore assicurato rispetto a quello che la cosa aveva nel tempo del sinistro (c. 1907), anche se il loro ammontare, unitamente a quello del danno, supera la somma assicurata, e anche se non si è raggiunto lo scopo salvo che l'assicuratore provi che le spese sono state fatte inconsideratamente (c. 1932, 2031; att. c. 187; nav. 534). L'assicuratore risponde dei danni materiali direttamente derivati alle cose assicurate dai mezzi adoperati dall'assicurato per evitare o diminuire i danni del sinistro, salvo che egli provi che tali mezzi sono stati adoperati inconsideratamente (c. 19003). L'intervento dell'assicuratore per il salvataggio delle cose assicurate e per la loro conservazione non pregiudica i suoi diritti (c. 19131). L'assicuratore che interviene al salvataggio deve, se richiesto dall'assicurato, anticiparne le spese o concorrere in proporzione del valore assicurato.
1915. Inadempimento dell'obbligo di avviso o di salvataggio L'assicurato che dolosamente non adempie (c. 1218) l'obbligo dell'avviso (c. 1913) o del salvataggio (c. 1914) perde il diritto all'indennità. Se l'assicurato omette colposamente di adempiere tale obbligo, l'assicuratore ha diritto di ridurre l'indennità in ragione del pregiudizio sofferto (c. 1932; att. c. 187).
1916. Diritto di surrogazione dell'assicuratore L'assicuratore che ha pagato l'indennità è surrogato, fino alla concorrenza dell'ammontare di essa, nei diritti dell'assicurato verso i terzi responsabili (c. 1203, 15893). Salvo il caso di dolo, la surrogazione non ha luogo se il danno è causato dai figli, dagli affiliati, dagli ascendenti, da altri parenti (c. 74 ss.) o da affini (c. 78) dell'assicurato stabilmente con lui conviventi o da domestici (c. 2240). L'assicurato è responsabile verso l'assicuratore del pregiudizio arrecato al diritto di surrogazione. Le disposizioni di questo articolo si applicano anche alle assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e contro le disgrazie accidentali.
1917. Assicurazione della responsabilità civile Nell'assicurazione della responsabilità civile l'assicuratore è obbligato a tenere indenne l'assicurato di quanto questi, in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo dell'assicurazione, deve pagare a un terzo, in dipendenza della responsabilità dedotta nel contratto. Sono esclusi i danni derivanti da fatti dolosi (c. 1900; nav. 798). L'assicuratore ha facoltà, previa comunicazione all'assicurato, di pagare direttamente al terzo danneggiato l'indennità dovuta, ed è obbligato al pagamento diretto se l'assicurato lo richiede (c. 2767). Le spese sostenute per resistere all'azione del danneggiato contro l'assicurato sono a carico dell'assicuratore nei limiti del quarto della somma assicurata. Tuttavia, nel caso che sia dovuta al danneggiato una somma superiore al capitale assicurato, le spese giudiziali si ripartiscono tra assicuratore e assicurato in proporzione del rispettivo interesse (c. 1932). L'assicurato, convenuto dal danneggiato, può chiamare in causa l'assicuratore (c. 1932, 2952; p. c. 106).
1918. Alienazione delle cose assicurate L'alienazione delle cose assicurate non è causa di scioglimento del contratto di assicurazione (nav. 517). L'assicurato, che non comunica all'assicuratore l'avvenuta alienazione e all'acquirente l'esistenza del contratto di assicurazione, rimane obbligato a pagare i premi che scadono posteriormente alla data dell'alienazione. I diritti e gli obblighi dell'assicurato passano all'acquirente, se questi, avuta notizia dell'esistenza del contratto di assicurazione, entro dieci giorni dalla scadenza del primo premio successivo all'alienazione, non dichiara all'assicuratore, mediante raccomandata, che non intende subentrare nel contratto (c. 1406 ss.). Spettano in tal caso all'assicuratore i premi relativi al periodo di assicurazione in corso. L'assicuratore, entro dieci giorni da quello in cui ha avuto notizia dell'avvenuta alienazione, può recedere dal contratto (c. 13732) con preavviso di quindici giorni, che può essere dato anche mediante raccomandata. Se è stata emessa una polizza all'ordine o al portatore (c. 1889), nessuna notizia dell'alienazione deve essere data all'assicuratore, e così quest'ultimo come l'acquirente non possono recedere dal contratto (c. 14072).